Cronache dal Velo Club – ep.10 – Speciale Gravel Race

img-20170625-wa0009.jpg

Tuoni, fulmini, vento e acqua: domenica il meteo ce l’ha messa tutta per rovinare la festa ai gravel grinders, ma non ce l’ha fatta. All’alba un temporale violento, atteso dalla natura ma decisamente poco provvidenziale per chi doveva salire in sella, ha messo in allarme organizzatori e corridori, con le chat WhatsApp intasate di messaggi spesso catastrofici.

I nostri non si fanno scoraggiare: la sveglia suona alle 5:30 e in breve tempo tutto è pronto: gonfiabili, panini, banco delle iscrizioni, birre e acque al fresco. Continua a piovere ma il Capitano dei cinghiali, Marco Bettoni, tiene alto il morale della truppa mostrando ottimismo, mentre la squadra dei Varicella’s si esibisce in una splendida e quanto mai azzeccata tenuta: maschere, pinne, asciugamani e ciabatte Alle 7:00 aprono le iscrizioni: la pioggia dimezza il numero di iscritti rispetto alle scorse edizioni, ma c’era da aspettarlo e alla fine i partenti sono poco meno di 50.

 

img-20170625-wa0035.jpg

Pronti via, alle 8:25 si aprono le danze, con quattro o cinque fuggitivi e il resto del gruppo che si avvia tranquillo. Ci sono gli squadroni di sempre: i Varicella’s, i Chi l’ha Visto, i Funky Varalli e i Ramarri. I primi 50 km passano veloci, si fa la ola sul ponte tibetano, si ride e si fa casino. C’è tutto il tempo per una foto ricordo in piazza a Galliate e per un caffè. Eccolo, lo spirito gravel: niente cronometraggio, nessuna classifica, non si premia chi vince ma si vince tutti; l’obiettivo è vedere bei posti, divertirsi e imparare a non prendersi troppo sul serio.

Sulle vigne inizia a fare davvero caldo e quasi quasi viene da rimpiangere la pioggia, mentre Fabione tira il gruppo aspettando sapientemente chi fa più fatica. Gli ultimi 20 km non passano più, non si parla d’altro che di birra e panini col salame, quelli che le donne del Velo Club (non le ringrazieremo mai abbastanza) hanno preparato per i finisher in piazza a Sesto Calende. Dai e dai, alla fine è fatta: ultima foto al porto di Castelletto, poi il ponte sul Ticino e l’arrivo, dove i primi sono già alla terza birra. Anche quest’anno l’impresa è compiuta: ci si vede l’anno prossimo. Magari senza pioggia…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...