Bertocchi in fuga sul ponte di barche

Bertocchi in fuga sul ponte di barche

Sottotitolo: Quando le corse passavano da Sesto Calende

Queste due incredibili fotografie d’epoca del 16 Settembre 1945 ritraggono il ciclista Elio Bertocchi in fuga sul Ponte di Barche tra Sesto Calende e Castelletto Ticino nella gara Milano-Angera.

cana3

Il primo fuggitivo della giornata, Bertocchi, sul ponte di barche tra Sesto Calende e Castelletto Ticino.

cana5

Il gruppo sul ponte di barche

Partenza da Milano e subito rotta verso il Lago Maggiore e il Lago d’Orta: passando dal ponte di barche di Sesto Calende fino a Gravellona Toce, fino a un altro luogo simbolo, dove fu versato molto sangue di partigiani (43 persone fucilate nel giugno del ’44), scendendo poi lungo la sponda piemontese del Verbano, da Stresa, a Meina (famosa per la strage di ebrei operata dai nazisti all’hotel Meina, nella primavera del ’45), Arona e ritorno in Lombardia, di nuovo a Sesto Calende, per fare un primo passaggio ad Angera. Il tracciato proseguiva ancora verso la Valcuvia e la salita del Brinzio, per poi fare ritorno al caro paese, all’ombra della Rocca Borromeo.

Ricerche Storiche: D. Zambra

Fonte articolo e foto: Cyclemagazine

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Storia del Ciclismo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...